Ai sensi dell’art. 107 del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, gli Intermediari finanziari esercenti l’attività di finanziamento sotto qualsiasi forma che abbiano un volume di attività finanziaria pari o superiore a lire 200 miliardi ovvero mezzi patrimoniali pari o superiori a lire 10 miliardi, devono iscriversi anche in un elenco speciale tenuto dalla Banca d’Italia, cui spetta altresì la vigilanza prudenziale.

L’obbligo di iscrizione nell’elenco speciale si estende anche agli Intermediari esercenti l’attività di assunzione di partecipazioni che abbiano un volume di attività finanziaria pari o superiore a € 51.645.689,91 ovvero mezzi patrimoniali pari o superiori a € 25.822.844,95, nonché agli Intermediari esercenti l’attività di intermediazione in cambi, con assunzione di rischi in proprio, ed agli Intermediari esercenti l’attività di emissione e gestione di carte di credito e di debito.

Alla data del 29 marzo 2002, dei 1.393 soggetti iscritti nell’elenco generale, n. 264 Intermediari erano anche iscritti nell’elenco speciale.